Caricamento in corso...
Chiudi
Cosa ti piacerebbe condividere oggi?
Puoi anche preferire questi tipi di commento per avere un accesso più rapido
Foto
File
Link
Stato
Foto
File
Link
Condividi ciò che c'è di nuovo...
  Aggiungi foto   Clicca o trascina qui le foto per caricarle
In attesa Preparazione al caricamento... Caricamento... Caricamento fallito. (guarda dettagli) Caricamento completato.
( restanti)
Aggiungi File Fare clic o rilasciare i file qui e carica
Digita un hashtag per iniziare a cercare i tag
La parola chiave non corrisponde a nessun tag
Digita il nome di un tuo amico
Non ho trovato nessun amico con quel nome
La parola chiave non corrisponde ad alcuna emoticon
Chiudi
Chiudi

Tabella dei Cookie

I cookies di questo sito sono disabilitati.
Puoi cambiare la tua scelta in qualsiasi momento cliccando il bottone "Accetta Cookies".

Chiudi
Link copiato negli appunti
Stai guardando i contenuti e gli aggiornamenti di:
Elementi Appuntati
Attività recenti
  • Ricerca Indipendente ha caricato un nuovo video
    Elettrostatica
    Piccolo esperimento di elettrostatica
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Il commento è sotto moderazione
    Elemento di flusso di dati articolo pubblicato correttamente. L'elemento articolo sarà visibile sul tuo flusso di dati.
  •   Lady Indipendente ha reagito a questo post 2 mesi fa
    La talidomide è un farmaco che fu venduto negli anni '50 e '60 come sedativo, anti-nausea e ipnotico, rivolto in particolar modo alle donne in gravidanza. Si trattava di un farmaco che aveva un bilancio rischi/benefici estremamente favorevole...
    La talidomide è un farmaco che fu venduto negli anni '50 e '60 come sedativo, anti-nausea e ipnotico, rivolto in particolar modo alle donne in gravidanza. Si trattava di un farmaco che aveva un bilancio rischi/benefici estremamente favorevole rispetto agli altri medicinali disponibili all'epoca per lo stesso scopo (i barbiturici).
    Prodotto in forma di racemo, venne ritirato dal commercio alla fine del 1961, dopo essere stato diffuso in cinquanta paesi sotto quaranta nomi commerciali diversi, fra cui il Contergan. Il ritiro fu dovuto alla scoperta della teratogenicità di uno dei suoi enantiomeri: le donne trattate con talidomide davano alla luce neonati con gravi alterazioni congenite dello sviluppo degli arti, ovvero amelia (assenza degli arti) o vari gradi di focomelia (riduzione delle ossa lunghe degli arti), generalmente più a carico degli arti superiori che quelli inferiori, più spesso bilateralmente, pur con gradi differenti
    Altro
    Il commento è sotto moderazione
    Elemento di flusso di dati articolo pubblicato correttamente. L'elemento articolo sarà visibile sul tuo flusso di dati.
  • Ricerca Indipendente ha caricato un nuovo video
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Il commento è sotto moderazione
    Elemento di flusso di dati articolo pubblicato correttamente. L'elemento articolo sarà visibile sul tuo flusso di dati.
  • 0
    0
    0
    0
    0
    0
    Il commento è sotto moderazione
    Elemento di flusso di dati articolo pubblicato correttamente. L'elemento articolo sarà visibile sul tuo flusso di dati.
  • Ricerca Indipendente ha caricato un nuovo video
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Il commento è sotto moderazione
    Elemento di flusso di dati articolo pubblicato correttamente. L'elemento articolo sarà visibile sul tuo flusso di dati.
  • Ricerca Indipendente Annuncio
    Se ti piace Ricerca Indipendente, sostienila! Partecipa con noi, sviluppala con noi, promuovila con noi, mantienila con noi!
    Sostieni Ricerca Indipendente!
    https://ricercaindipendente.net/menu/sostieni-ricerca-indipendente
    Ricerca Indipendente è una piattaforma costruita da zero e non collegata ad altro, lo Staff collabora volontariamente al portale, e non solo per la semplice passione di farlo. Ognuno di noi si impegna per l'idea di un'informazione al servizio dell'essere umano, affinché non sia mai vero il contrario. Non abbiamo alle spalle sponsor o fondazioni, né servizi, né accordi. Abbiamo sviluppato da soli questa piattaforma per renderla totalmente indipendente, la promuoviamo con il nostro impegno e la manteniamo di tasca nostra.
  • Ricerca Indipendente ha caricato un nuovo video
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Il commento è sotto moderazione
    Elemento di flusso di dati articolo pubblicato correttamente. L'elemento articolo sarà visibile sul tuo flusso di dati.
  • Lady Indipendente ha caricato un nuovo video
    L'acqua è il combustibile del futuro?
    Fonte: Report
    Combustibile-del-futuro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Il commento è sotto moderazione
    Elemento di flusso di dati articolo pubblicato correttamente. L'elemento articolo sarà visibile sul tuo flusso di dati.
  •   Ricerca Indipendente ha reagito a questo post 3 mesi fa
    Dietro l’infarto c’è un batterio, la straordinaria scoperta italiana nasce da uno studio condotto in collaborazione con la Cardiologia dell’ospedale di Terni

    Dietro l'infarto c'è l'Escherichia Coli, il ben noto batterio intestinale che favorisce...
    Dietro l’infarto c’è un batterio, la straordinaria scoperta italiana nasce da uno studio condotto in collaborazione con la Cardiologia dell’ospedale di Terni

    Dietro l'infarto c'è l'Escherichia Coli, il ben noto batterio intestinale che favorisce la formazione di coaguli nel sangue. La notizia, già diffusa nei giorni scorsi da alcune testate nazionali, si riferisce a una straordinaria scoperta che apre nuovi scenari nel campo della prevenzione e della cura della trombosi coronarica e che nasce da uno studio tutto italiano cui hanno partecipato l’Università La Sapienza di Roma e l’Emodinamica di Terni diretta dal prof. Marcello Dominici, con la collaborazione di un team di cardiologi, cardiologi interventisti, anatomopatologi, patologi clinici e biologi coordinati da Francesco Violi, direttore della I Clinica medica del Policlinico universitario Umberto I di Roma.
    “Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista di cardiologia European Heart Journal, è stato condotto su un campione di 150 pazienti arruolati in due centri, la Cardiologia di Terni, - spiega il direttore Marcello Dominici – e il Policlinico Umberto I di Roma, grazie a una collaborazione scientifica in atto da anni. Lo studio ha dimostrato che nella genesi della trombosi coronarica che causa l’infarto un ruolo importante lo gioca l’Escherichia Coli, un batterio di origine prevalentemente intestinale che entra in circolo nel sangue, determina infezione e innesca la coagulazione all’interno della coronaria. Infatti, in quasi tutti i pazienti con infarto esaminati risultava in circolo nel sangue e nel trombo coronarico una grande quantità di questo batterio, che non era presente invece nel cosiddetto gruppo di controllo, cioè nei soggetti non colpiti dalla patologia”.
    Questa scoperta segna l’inizio di un nuovo capitolo della ricerca, con importanti sviluppi in termini di prevenzione e di prospettive terapeutiche delle malattie coronariche, tra cui infarto del miocardio e ictus, che ogni anno colpiscono 100mila italiani. “Questi risultati, riprodotti anche negli animali, – prosegue il professor Dominici - aprono la strada sia a terapie mirate da somministrare in fase acuta tramite molecole che inibiscono il legame tra batterio e placca arteriosclerotica, sia a un vaccino anti-infarto che prevenga cioè il processo di trombosi delle coronarie”. Senza considerare che, contestualmente, questa scoperta determina anche un nuovo approccio nella prevenzione generale. Da oggi, infatti, tra i fattori di rischio da tenere sotto controllo per prevenire l’insorgenza delle malattie coronariche ci sono non soltanto l’ipertensione, il fumo, il diabete e il colesterolo alto, ma anche la presenza di Escherichia Coli nel sangue.
    La ricerca è durata complessivamente più di cinque anni ed ha impegnato attivamente la struttura cardiologica dell’ospedale di Terni, con le risorse a disposizione e sostenuta da un grande impegno individuale.
    Altro
    Il commento è sotto moderazione
    Elemento di flusso di dati articolo pubblicato correttamente. L'elemento articolo sarà visibile sul tuo flusso di dati.
Non ci sono ancora attività.
Impossibile caricare il contenuto del tooltip.








Privacy Defender